22 giugno 2024

L’URAGANO E LA BONACCIA

XII Domenica del T.O. 
                                                              Anno B


In questi giorni d’inizio estate mi ritrovo spesso a guardare il cielo, sempre più denso di nuvolaglia che mi sembra alquanto strana. Non sono ancora del tutto persuaso delle teorie sulle famigerate scie chimiche, ma l’evidenza è sopra i nostri occhi. I cieli limpidi, di un forte azzurro, ben inondati dalla forte luce del sole, sono sempre più rari e quasi sempre al mattino, poi nel corso della giornata puntualmente le cose cambiano. Le perplessità crescono e, leggendo i versetti di Giobbe: “…il Signore prese a dire a Giobbe in mezzo all’uragano.” (dal Libro i Giobbe), ecco, pare anche a me di stare come in mezzo ad un uragano che non è solo meteorologico. E’ soprattutto esistenziale, per noi tutti ed in particolare per la Chiesa. C’è smarrimento, insicurezza, tentazioni continue a seguire i dettami del mondo, quasi si volesse trovare, nel suo apparente buonismo, gli appetitosi appigli per non naufragare. Ci si dimentica, così, che solo Gesù Cristo sa come calmare le acque turbolente. Ci si dimentica che “io vi ho dato la mia immagine e somiglianza, ma voi avete perduto la grazia con il peccato. Per ridonarvi la grazia, ho unito la mia natura alla vostra, coprendola col velo della vostra umanità”. (Santa Caterina da Siena)

15 giugno 2024

COME UN GRANELLO, COME UN RAMOSCELLO

Undicesima Domenica del T.O. 
Anno B


Ho un piccolo orticello: vi ho seminato alcuni tipi di insalata, cipolle, carote, patate; ho messo dei pomodori, fagiolini, melanzane, peperoni e zucchine. Tolgo l’erbaccia, innaffio e controllo la crescita per esercitare la raccolta con positiva risultanza. Ogni tanto mi soffermo a squadrarlo, soddisfatto. Tutto ciò mi rende più comprensibile la parabola del granello di senape, perché il parlare di Gesù è semplice e utilizza parametri di vita quotidiana. Così ci fa capire, con parole povere, di quale pasta è fatta la sua persona quando ci parla del Regno di Dio e con un pratico esempio ci apre lo sguardo sulla magnificenza dell’Amore di Dio per l’uomo: “…il regno di Dio è come un granello si senape, il più piccolo di tutti i semi, ma quando cresce diventa più grande di tutte le piante dell’orto.” (dal Vangelo secondo Marco)

8 giugno 2024

LO SGUARDO SU DI NOI

Decima Domenica T.O. 
Anno B


Mi piace moltissimo quest’immagine di Gesù che si sofferma con lo sguardo su ciascuno di quelli vicini, per dire a quelli lontani, come noi, che viviamo nel terzo millennio, veniamo considerati: suoi famigliari, suoi parenti, suoi cari.
“…girando lo sguardo su quelli che erano seduti accanto a lui, disse: “Ecco mia madre e i miei fratelli. Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre.” (dal Vangelo secondo Marco)
Certo, occorre fare la volontà del Padre, che può sintetizzarsi in questo modo: ama! Perché Dio è Amore e tutto quello che ha creato è scaturito dal suo Spirito d’Amore per tutto ciò che è bello, buono ed eterno. Non ha creato il male perché in lui non può sussistere. Il male si manifesta nel mondo solo quando lo si sceglie

1 giugno 2024

EUCARISTIA VIVA

Santissimo Corpo e Sangue di Gesù 
Anno B


Proviamo ad andare con la mente agli albori della nostra infanzia, oppure guardiamo una mamma  o un papà, con in braccio il figlio appena nato: ci immergiamo in una dimensione del tutto inusuale, dolce, tenera, fatta di abbracci, di attenzioni che contornano gesti e movimenti unici. Si sta bene, ci si sentiva protetti, si poteva desiderare tutto ciò che un bambino desidera. C’erano, però, anche dei limiti che venivano imposti, cui bisognava obbedire, con le buone e pure con le cattive, tipo il cambiamento del tono della voce, le occhiatacce, le sculacciate, le sberle, i castighi. Varianti, solo crescendo lo si sarebbe capito, che erano comunque intrise di quell’amore materno e paterno che ci ha avvolto fin dal primo istante della nostra vita. E’ come l’amore che Dio, nella sua creazione, fin dal principio ha espresso donandoci i suoi precetti:“…tutti i comandamenti che il Signore ha dato, noi li eseguiremo.” (dal Libro dell’Esodo)

25 maggio 2024

SENZA DUBITARE

Santissima Trinità
Anno B

io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo
La fine del mondo, non c’è dubbio alcuno, avverrà. Però, nel profondo del nostro essere, sentiamo che non succederà noi presenti. E’ così, è come un rifiuto di quanto il pensiero di una fine del mondo, possa immaginare. Apocalissi, guerre nucleari, virus inimmaginabili (altro che covid), implosione del sistema solare, suicidio complessivo dell’umanità, sono alcune delle prospettive che, comunque, terrorizzano. Perciò, le rifiutiamo, le esorcizziamo.
Personalmente, però, più semplicemente, mi convinco, che non avverrà niente di tutto ciò, fintanto che nascerà ancora un bambino. Perché un bambino che nasce, anzi, un nuovo essere umano concepito, è segno che Dio non si è ancora stancato dell’uomo. Verrebbe, allora, da dire che il destino di questo mondo è legato ad un piccolo inerme, innocente bimbo nel ventre di sua madre?

22 maggio 2024

NOVE MESI PER LA VITA - MAGGIO 2024

Domenica 26 MAGGIO 2024 ore 16,00

presso la Chiesa della Madonna degli Angeli

                      LA PUREZZA DI DIO:

                              L'INNOCENZA DEI BIMBI
==================================

LA STORIA: Maria e il salmo 103

Questa è la storia della piccola Maria, di anni 8. Si sveglia una mattina con macchie strane sulla pelle. E’ pallida più del solito e, da giorni, lamenta una stanchezza impressionante. Ha anche la febbre. Viene portata d’urgenza in ospedale e dopo poche ore arriva la terribile diagnosi: leucemia.
Comincia con le trasfusioni e con dosi massicce di cortisone, ma i globuli bianchi non scendono. I genitori sono disperati, i medici dicono che non possono fare molto, ma non demordono. La degenza in ospedale si prolunga e la sofferenza si acuisce anche alla luce degli scarsi risultati delle terapie in corso.
Un giorno Maria chiede alla mamma di leggerle il Salmo 103. La mamma se ne meraviglia, trova una bibbia nella piccola chiesetta dell’ospedale e si appresta alla lettura. Non prima d’averle chiesto il motivo. La piccola le dice che ha sentito il dottore parlare di lei come il caso 103. Perciò si era ricordata di quanto a catechismo le avevano detto circa il modo di pregare attraverso i salmi.
E il salmo 103 dice fra le tante cose: “benedici anima mia il Signore…egli perdona tutte le tue colpe, risana tutte le tue infermità.”
Mamma rileggi l’ultima parte dell’ultimo verso: “risana tutte le tue infermità”.  Tutti i giorni richiedeva alla mamma di rileggerle il salmo 103 e specificatamente: risana tutte le tue infermità”. E su queste parole trovava serenità, il sorriso e il sonno.
Passano i giorni e Maria migliora, fino alla dimissione, guarita. Il primario, con soddisfazione, si congeda dai genitori dicendo: “il cortisone ha vinto la malattia”.
La mamma, però, gli chiede: “professore, nostra figlia è il caso 103, ma che ne è stato degli altri 102?”.
Il medico abbassa lo sguardo e si limita a dire che non sempre va così bene. E con le spalle curve se ne va, ma solo Maria e sua mamma sanno che la malattia non è stata vinta dal cortisone. Null’altro da aggiungere, se non che la preghiera e l’innocenza dei bimbi possono fare miracoli.

18 maggio 2024

LA GUIDA

Domenica di Pentecoste
Anno B

                         

Camminare per un sentiero, vivere una bella escursione è un’esperienza che tutti possono assaporare, anche senza preparazione alcuna. Se, invece, si vuole scalare un monte che oppone dirupi, pareti irte, passaggi nel vuoto, allora ci vuole una guida. Costui si mette a disposizione con la sua conoscenza del territorio e con la pazienza necessaria a smontare la boriosità di chi temerariamente vuole sovrapporsi, così com’è altrettanto dovuta per rassicurare i timorosi di fronte alle difficoltà dell’arrampicata verso la vetta e, comunque, verso il traguardo della giornata. E’ una guida che non molla sul suo dovere, sul suo impegno, ma richiede la piena disponibilità di tutti e di ciascuno a riconoscerla come tale ad ogni passo , fin dal primo momento che si è iniziata la scalata.

11 maggio 2024

IL NOSTRO TEMPO

Ascensione del Signore 
Anno B

Mi domando spesso quando vedo amici, conoscenti o persone care lasciare, secondo me, anzitempo questo mondo, mi chiedo che senso abbia l’aspettare che si compia il mio tempo. So che si tratta del tempo della Vita, anche della mia piccola vita, eppure non a caso ho scritto la parola vita con la prima lettera in maiuscolo perché so pure che in questa Vita si può trovare la verità e, soprattutto, la risposta:“…non spetta a voi conoscere tempi o momenti che il Padre ha riservato al suo potere, ma riceverete la forza dello Spirito Santo e di me sarete testimoni fino ai confini della terra.” (dagli Atti degli Apostoli)

5 maggio 2024

E SONO SOLO UN UOMO

Sesta Domenica di Pasqua
Anno B

I

Vi ho chiamato amici

In tempi lontani, quelli della prima giovinezza, sollecitato a prestarmi per il bene comune rispondevo che avevo ben poco da dare, essendo solo un semplice ragazzo capace solo dell’entusiasmo per il messaggio evangelico.
Leggo ora, (ma quante volte l’avrò letto?) che anche l’apostolo Pietro si riteneva solo un uomo:
“…alzati: anche io sono un uomo, in verità sto rendendomi conto che Dio non fa preferenze di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia.” (dagli Atti degli Apostoli)
Ora quell’“alzati” lo sento proprio come se fosse rivolto a me. Vorrei tanto giocare di sponda e farlo risuonare, quell’imperioso “alzati”, nel cuore di quanti leggeranno queste due righe di commento alla Parola del Signore in questo tempo di Pasqua.
“Alzati”, perché Gesù ha bisogno anche di ciascuno di noi, non fa preferenze, non stila classifiche, chiede solo di avere rispetto per la sua persona, di temerlo quale unico vero Dio e di praticare i suoi comandamenti che raccontano come vivere la sua giustizia. Ci ha lasciato, al riguardo, un esempio specifico quando, preso un asciugatoio, se lo cinse alla vita e con un catino iniziò a lavare i piedi dei suoi discepoli. Quando riprese le vesti, Gesù non depose l’asciugatoio, se lo tenne, indicando, così, il vero senso della diaconia, del servizio permanente verso il prossimo. In questo sta il fondamento della sua giustizia. In questo modo, seguendo il suo esempio, potremo rendere esplicito che:“…il Signore ha fatto conoscere la sua salvezza, agli occhi della gente ha rivelato la sua giustizia.” (dal Salmo 97)

27 aprile 2024

IL TRALCIO SECCO

 Quinta Domenica di Pasqua 
Anno B

Ma davvero stiamo parlando del Signore alle generazioni dei nostri figli e dei nostri nipoti? “ …si parlerà del Signore alla generazione che viene, annunceranno la sua giustizia.” (dal Salmo 21). O piuttosto, proprio la generazione del Concilio Vaticano II ha preferito camuffare il messaggio evangelico, trasformare la sua Sacra Liturgia? Lasciando che il mondo entrasse a gamba tesa, sconvolgendo capisaldi quali il matrimonio, la famiglia, la vita, l’autorità. Solo alla fine della sua vita, papa Montini se ne accorse, quando ammise che il fumo di satana era ormai entrato nella Chiesa. 
In effetti, aggrappati alla vite vera c’erano quasi solamente tralci secchi.
San Paolo, si narra negli Atti degli Apostoli, che pur non essendo un eloquente predicatore, parlava con decisione, soprattutto, a quelli che non avevano ancora ricevuto l’annuncio del Vangelo di Gesù Cristo: “…parlava e discuteva con quelli di lingua greca: ma questi tentavano di ucciderlo. Quando vennero a saperlo, i fratelli lo condussero a Cesarea e lo fecero partire per Tarso.” (dal Libro degli Atti degli Apostoli)
Oggi accade lo stesso: se osi parlare di diritto alla vita, se osi mettere in discussione la legge che autorizza l’aborto volontario, vieni messo alla gogna.

24 aprile 2024

NOVE MESI PER LA VITA - APRILE 2024

 Domenica 28 APRILE 2024 ore 16,00
presso la Chiesa della Madonna degli Angeli

                      LA PUREZZA DI DIO:

                 L'INNOCENZA DEI BIMBI
==================================
DAVIDE: il bambino che parlava con gli angeli



“Mamma, stanotte gli Angioletti mi hanno portato in Paradiso”…
e com’era? “Bellissimo”.
E’ solo uno dei tanti colloqui di un bambino, di nome Davide, con sua mamma Elisa, che non lo lasciò un attimo fin dal primo giorno in cui si manifestò la malattia che lo avrebbe portato alla morte, il giorno 22 giugno 2021, a quasi nove anni soltanto.
La storia di questo bambino e della sua famiglia è coinvolgente perché avviene in un contesto sociale simile a quello in cui ciascuno di noi vive abitualmente.
La vita di Davide e della sua famiglia viene stravolta quando al piccolo viene diagnosticata una leucemia linfoblastica acuta. Dopo la prima dolorosa fase che termina con un trapianto di midollo, senza esisti positivi, Davide e i suoi genitori entrano in un vortice di delusione e rabbia per tutte le preghiere e le speranze andate a vuoto.
Poi, dal giorno della Prima Comunione, anticipata per ovvi motivi, l’esistenza del piccolo Davide passa dai toni cupi insopportabili della malattia, ai colori accesi della gioia e della vera speranza.
A Davide sono venuti incontro gli Angeli, la Madonna, Gesù e lo prendono per mano. Il bambino capisce che non è più solo nel suo cammino verso la fine perché fa esperienza del Paradiso e della vita eterna nelle mani di Dio. Scopre che la sua vita non è assurda, negativa perché attraverso la maledetta malattia va incontro alla vera vita. Ciò che stupisce è la capacità con cui sa trasmetterlo ai genitori, al fratello, ai parenti, liberandoli così dall’angoscia per la sua prematura perdita. Spiega loro che è bello vivere con Gesù, con la Madonna; è bello il Paradiso, un luogo dove si sta bene, dove ora Davide “ci attende là”, scrive, serena e in pace, la mamma.
Veramente la Comunione è l’incontro tra due cuori innocenti: il cuore di un bambino e il cuore di Gesù; il cuore del figlio e il cuore del Padre che è nei cieli.

20 aprile 2024

IL RECINTO

Quarta Domenica di Pasqua
Anno B


Nel prossimo mese di giugno saremo chiamati al voto per eleggere il nuovo Parlamento dell’Unione Europea. Penso che sia buona cosa parteciparvi, esprimendo così il proprio diritto di scelta politica e di scelta delle persone degne di rappresentare e realizzare principi di giustizia e di libertà.
In ogni caso, tutto ciò non basterà perché dobbiamo tenere presente quanto riferisce il Salmo:“…è meglio rifugiarsi nel Signore che confidare nell’uomo. E’ meglio rifugiarsi nel Signore che confidare nei potenti.” (dal Salmo 117(118)
E’ meglio, perciò, rifugiarsi, cioè, entrare nel recinto del Signore, che non in quello dei potenti del momento. Il primo offre cura, amore, salvezza; il secondo assicura schiavitù, disprezzo per i diritti, sfruttamento e malvagità.

13 aprile 2024

PACE A VOI

Terza Domenica di Pasqua
Anno B

 

Noi siamo Tommaso che non crede - Ecco "Pace a voi"

Il Vangelo di questa domenica riporta le parole del Signore che ci dice di non essere turbati, di non avere dubbi circa la “pace” che accompagna il suo saluto agli apostoli. Ma come si fa a non essere preoccupati, direi angosciati, per quanto succede intorno a noi? Le guerre continuano e si stanno scaldando i motori per l’invio sui campi di guerra di nuovi armamenti, di nuovi missili, di altri uomini da mandare al macello. Sotto altri cieli, negli asettici e lussuosi palazzi del potere si decide che l’aborto è ormai da considerarsi un diritto costituzionalmente protetto. La religione che vive in Cristo viene derisa ed infangata per bieco desiderio di fare più denaro, per vendere qualche sacchetto di patatine in più. Guai, però, a trattare nello stesso modo altre religioni, anzi si stravolgono concetti e realtà pur di apparire aperti e disponibili ad una nuova religione mondiale che tolga dall’orizzonte la persona di nostro Signore Gesù Cristo.
Eppure, nonostante tutto ciò, Lui:“…Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: “pace a voi”. (dal Vangelo secondo Luca)

6 aprile 2024

ESSERE CREDENTE

Domenica della Divina Misericordia
Seconda di Pasqua
Anno B

Questa domenica dopo Pasqua ci presenta l’immagine di Gesù nella Divina Misericordia, con i raggi del suo amore rivolti verso il basso. Sono rivolte ai suoi discepoli, ancora incerti, che hanno bisogno del perdono, che confidano, appunto, nella misericordia che solo un Padre può concedere ai propri figli perché: “…chiunque è stato generato vince il mondo; e questa è la vittoria che ha vinto il mondo: la nostra fede.” (dalla prima Lettera di Giovanni Apostolo)
Su questo punto non si può, a nostra volta, mollare. Ciascuno di noi viene da Dio, con il suo carico d’Amore che, nella sua purezza, ci spinge verso la sconfitta del male che infesta il mondo, attraverso il Santo Battesimo. A questo punto la fede diventa incrollabile, al punto tale da essere pronti al martirio pur di non rinnegarla.Anche perché le mani benedicenti di Gesù nella Divina Misericordia, sono quelle che hanno toccato la fanciulla morta e la bara del ragazzo di Nain. Sono le mani che hanno spezzato i pani per i cinquemila e con esse ha offerto il suo corpo e il suo sangue nella cena della definitiva consacrazione. D’altronde “Gesù spezzò il pane. Se non avesse spezzato il pane, come le briciole sarebbero potute giungere fino a noi?” (Baldovino di Ford) Oggi, infatti, quelle mani sono le mani del sacerdote, “Alter Cristus” che rinnovano il suo sacrificio, se riusciamo anche oggi a rivedere in esse le ferite dei chiodi.

30 marzo 2024

IL SEPOLCRO

DOMENICA DI PASQUA
RISURREZIONE DEL SIGNORE
(ANNO B)

Mi sento un po’ come Maria di Magdala ogni volta che varco il cancello di un cimitero, verso uno dei tanti sepolcri che custodiscono le spoglie dei miei cari, dei miei amici, dei conoscenti da una vita. Davanti a queste tombe, stare in sosta anche per pochi minuti, permette di percorrere, come in un flash, anche solo un fatto che ha connotato la vita del defunto su cui si concentrano la preghiera ed il ricordo. Penso sia questo il modo con cui si onora chi ci ha preceduto nelle generazioni, sia questo ciò che viene inteso come “culto dei morti”, e che sia anche così che si costruisce la comunione dei santi.
Da sempre, l’umanità ha coltivato questa cultura nei confronti dei defunti. Oggi, questa si sta affievolendo, ma non voglio approfondire tale tematica, solo ci ho ragionato un poco per immaginarmi la scena di Maria di Magdala che si reca al sepolcro e lo trova vuoto. Lei c’era stata quando vi avevano posto il corpo di Gesù, aveva visto lo strazio di quel corpo, lo aveva pianto e anche lavato con le sue lacrime. Non le bastava, voleva profumarlo, voleva conservarlo il più possibile, magari pregando il Salmo: “…rendiamo grazie al Signore perché è buono, perché il suo amore è per sempre.”

23 marzo 2024

IL MANTELLO

                Domenica delle Palme
          Anno B

L’immaginario (sicuramente il mio) fissa la Domenica delle Palme in un film che vede la gente frequentare le chiese in misura superiore rispetto agli standard domenicali per via della distribuzione dell’ulivo benedetto. Che viene presentato come un simbolo di pace, da portare a casa, allegri, per appenderlo sopra la testata del letto o all’ingresso dell’abitazione, Eppure, tutto ciò stride con quanto, durante la liturgia, si va poi a vivere con l’ascolto estenuante della passione di nostro Signore Gesù Cristo. S’inneggia, durante la processione, con i rami d’ulivo o di palme, ma si ci si dimentica di stendere i mantelli.

22 marzo 2024

Caricamento: 683607 su 683607 byte caricati.

NOVE MESI PER LA VITA - MARZO 2024
Domenica 24 MARZO 2024 ore 16,00
presso la Chiesa della Madonna degli Angeli

                      LA PUREZZA DI DIO:

                      L'INNOCENZA DEI BIMBI
====================================
              LEONI E LEONESSE: senza mollare mai



E’ una storia commovente. E’ la cronaca estrema e reale di una mamma, Giulia, e di suo figlio, Ettore. Accade in Vigevano, la città in cui  viviamo, in un ambiente familiare vicino e conosciuto, dove una giovane coppia, Giulia e suo marito Amedeo, fondano le loro promesse matrimoniali, felicemente sostenute con l'arrivo del loro primo figlio, Ettore.
A questo piccolino, 
all'età di tre anni, viene diagnosticato un cancro in testa. Qui comincia il suo calvario, condiviso da tutti i suoi familiari, in primis dalla madre, che non lascerà un istante Ettore per tutto il tempo della malattia e delle relative estenuanti e dolorose terapie. Da questa esperienza diretta, vissuta sulla carne e sulla psiche di una giovane madre, emerge il desiderio e la necessità di testimoniare tutto quanto il percorso che ha portato alla sconfitta, grazie a Dio, del male.
Una confessione in cui emerge 
tutto l'amore di una madre, di una leonessa e del suo piccolo leone.
Una storia di un bambino e della sua famiglia, che risalgono 
dall'inferno. La disperazione, le lacrime, le angosce, le sofferenze diventano il pane quotidiano che alimenta, però, la speranza. Fidandosi e lasciandosi condurre da quei medici e personale sanitario che li hanno seguiti e sostenuti nella battaglia presso l'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, reparto di oncologia pediatrica.
Una storia, dunque, vera, 
documentata, quasi come un diario. Una vicenda narrata, per mettersi personalmente in gioco, da una mamma che vuole essere di aiuto alle mamme, alle leonesse, che affrontano o affronteranno lo stesso percorso, per aiutarle a ritrovare la luce persa per strada. Ettore e sua mamma e tutti i loro cari quella luce l’hanno trovata con la guarigione, ma soprattutto con la fede in Colui che tutto può.

15 marzo 2024

IL MIO CUORE: UN CHICCO DI GRANO

 Quinta Domenica di Quaresima
 Anno B


Nessuno nasce cattivo, siamo tutti creature del Buon Dio, in noi è depositato il marchio di fabbrica brevettato, che non è un codice a barre e neppure un QR Code,perché siamo unici, siamo pezzi unici. Proprio per questo il libero arbitrio, che è la capacità di scegliere liberamente nell'operare e nel giudicare,è una caratteristica che ci contraddistingue, che ci porta durante l’intero corso della vita a fare cose buone e cose malvagie.
Da qui la necessità di dover ribadire la verità della nostra origine.
Pertanto, non c’è da meravigliarsi se:“…Io porrò la mia legge dentro di loro, la scriverò sul loro cuore.” (dal Libro del profeta Geremia)
Più avanti lo stesso profeta, constatato che il cuore di quelli era diventato di pietra, ricordava loro la volontà del Signore di voler sostituire il loro cuore  con un cuore di carne. Mi sa che anche questa soluzione non sia stata sufficiente, visto cosa succede tuttora in quegli stessi luoghi. La vendetta e l’odio sono ancora lì ad imbrattare le speranze di pace. Anche noi, che non stiamo da quelle parti o sui confini dell’Ucraina, dobbiamo rivedere alcune cose perché non siamo indenni da quelle aridità che distruggono quanto di buono ci è stato donato, soprattutto con il Battesimo.
Con il Salmo ripetiamo allora:“…crea in me, o Dio, un cuore puro, rinnova in me uno spirito saldo.” (dal Salmo 50)

9 marzo 2024

LE NOSTRE OPERE

Quarta Domenica di Quaresima 
                                        Anno B

 

Non si può passare la vita con le mani in mano, prima o poi ci si troverà a svolgere delle opere che potranno essere buone o malvagie. Non c’è scampo e la qualità dipenderà moltissimo dall’ambiente in cui si è cresciuti, dall’educazione ricevuta e dalla testimonianza delle persone che s’incontrano sul nostro cammino. La seconda lettura di questa domenica scardina un convincimento che mi soddisfaceva guardando a quanto ho potuto intraprendere a partire dalla mia conversione a Cristo. Pensavo di essere io l’asse portante delle opere buone germogliate in questi anni, invece:“…siamo, infatti, opera sua, creati in Cristo per le opere buone, che Dio ha preparato perché in esse camminassimo.” (dalla Lettera agli Efesini di San Paolo Apostolo)

2 marzo 2024

NEL FONDO DELL'ANIMA

 Terza Domenica di Quaresima
Anno B

Da bambini, piccoli, piccoli, per farti fare qualche cosa che non volevi fare, tipo andare a dormire o rispondere velocemente ad un richiamo, gli adulti ricorrevano alla minaccia della chiamata del lupo o di qualche altra figura spaventosa. Così si cresceva anche con il timore del buio e dell’ignoto. Anche a catechismo, guarda un po’, c’insegnavano ad avere in animo un certo timore di Dio, ritorcendoci chissà quali immani castighi qualora si fossero disattesi i suoi comandamenti. Ora leggiamo il Salmo ed ascoltiamo che:“…il timore del Signore è puro, rimane per sempre; i giudizi del Signore sono fedeli, sono tutti giusti”. (dal Salmo 18(19)
Cosa vuole dire, che se gli diamo retta con rispetto ed onorevole fiducia, Lui ci sarà vicino per sempre in tutta la nostra vita terrena? Penso di sì.

1 marzo 2024

NEL FONDO DELL’ANIMA

Terza Domenica di Quaresima 
Anno B

Da bambini, piccoli, piccoli, per farti fare qualche cosa che non volevi fare, tipo andare a dormire o rispondere velocemente ad un richiamo, gli adulti ricorrevano alla minaccia della chiamata del lupo o di qualche altra figura spaventosa. Così si cresceva anche con il timore del buio e dell’ignoto. Anche a catechismo, guarda un po’, c’insegnavano ad avere in animo un certo timore di Dio, ritorcendoci chissà quali immani castighi qualora si fossero disattesi i suoi comandamenti. Ora leggiamo il Salmo ed ascoltiamo che:“…il timore del Signore è puro, rimane per sempre; i giudizi del Signore sono fedeli, sono tutti giusti”. (dal Salmo 18(19)
Cosa vuole dire, che se gli diamo retta con rispetto ed onorevole fiducia, Lui ci sarà vicino per sempre in tutta la nostra vita terrena? Penso di sì.

24 febbraio 2024

IL DONO DEL FIGLIO

 Seconda Domenica di Quaresima
Anno B

Fu trasfigurato davanti a loro
e le sue vesti divennero splendenti

Il vangelo di Marco pone nei primi capitoli una serie di domande su chi sia Gesù. Almeno fino alla decisa risposta di Pietro che dice a Gesù: “Tu sei il Cristo”. Risposta che è un dono, una rivelazione che gli viene da Dio Padre. Solo con la fede, perciò, si riesce a comprendere ed accogliere questa sconvolgente, per la nostra ragione, verità e realtà che, oggi come allora, ti scombina la vita. Perché ci conduce alla Trasfigurazione, cui assistettero i tre apostoli, ai quali poi: “…ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.” (dal Vangelo secondo Marco)

  NOVE MESI PER LA VITA - FEBBRAIO 2024
Domenica 25 FEBBRAIO 2024 ore 16,00
presso la Chiesa della Madonna degli Angeli

                      LA PUREZZA DI DIO:

                L'INNOCENZA DEI BIMBI
==================================
                               Laura Vicuna:

     12 anni di amore filiale e di sacrificio


Ovunque mi trovo, il ricordo di Dio mi accompagna, mi aiuta, mi conforta.
Laura del Carmen Vicuna è un poema di candore. 
Nacque nella Capitale cilena, Santiago, il 5 aprile 1891. Appena dopo la sua nascita la famiglia si ritrovò repentinamente in una triste situazione di precarietà a seguito della morte del padre avvenuta nel 1893, lasciando la moglie incinta della seconda figlia. La madre di Laura si trovò così sola con due figlie a dover vincere la fame e la disperazione.

17 febbraio 2024

L’ALLEANZA

    Prima Domenica di Quaresima Anno B

Abbiamo appena iniziato la Quaresima. Gesù gradisce la nostra compagnia e ci
accoglie sulla via che ha intrapreso, quella del deserto, quella dove le tentazioni sono un evidente ostacolo alla preghiera e alla contemplazione. Anche noi siamo impigliati in tutte quelle distrazioni o deviazioni che portano al nulla. Sappiamo bene che sono prove da saper affrontare se vogliamo irrobustirci nella fede.
D’altronde anche Gesù: “…in quel tempo lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase 40 giorni tentato da Satana.” (dal Vangelo secondo Marco)

9 febbraio 2024

        SESTA Domenica T.O. Anno B
             11 Febbraio : Festa della Madonna di Lourdes 
                                                                LA COMPASSIONE

 

L’impurità è lo stato in cui ci troviamo quando non aderiamo ai comandamenti di Dio. E’ il nostro contro altare  rispetto alla purezza di Dio, cioè il suo Amore per l’uomo, che è incontaminato, puro all’ennesima potenza e lo dimostra l’incarnazione di suo Figlio Gesù. Che si trova fin da subito, nella sua missione, a dover fare i conti proprio con l’impurità, nella sinagoga a Cafarnao prima, in strada poi, quando:“…venne da Gesù un lebbroso, che lo supplicava in ginocchio…ne ebbe compassione, tese la mano, lo toccò.” (dal Vangelo secondo Marco)

2 febbraio 2024

L'articolo della nostra presidente in occasione della Giornata per la vita 2024 apparso sul settimanale diocesano L'Araldo


Quinta Domenica T.O. Anno B

CI PRENDE PER MANO
46
ma Giornata per la Vita

La forza della Vita ci sorprende

Gesù aveva comandato alla febbre e questa aveva lasciato la suocera di Pietro. E subito si era alzata in piedi:“…Egli si avvicinò e la fece alzare, prendendola per mano, la febbre la lasciò ed ella li serviva.” (dal Vangelo secondo Marco)
Mi piace questo passo evangelico che annota la gentilezza con cui Gesù si accostò alla donna: “prendendola per mano”. Come se le volesse comunicare la sua stessa vita salvifica, vita d’amore che trova gioia nel donarsi, nel servire i fratelli, come, in effetti, fece senza indugio la buona suocera. Faticare con Gesù e per Gesù dona letizia e pace, come pure grande soddisfazione perché rende la nostra vita utile a molti. Inoltre, ci avvicina al tentativo di imitare la virtù degli apostoli e non saremo, per questo, inferiori a loro in nulla. Infatti, non i miracoli li hanno resi apostoli, bensì la santità della loro vita.