sabato 26 febbraio 2022

IL TESORO NASCOSTO

Ottava Domenica T.O. Anno C

L’uomo buono dal tesoro del suo cuore trae fuori il bene    
Bisogna salire in alto per contemplare il misterioso panorama del nostro tempo, per avere una risposta
alle grandi domande sul mistero del male che si è impossessato di questa umanità con una inaudita forza da poter distruggere ogni speranza. Eppure lo scontro fra il bene e il male, lo sappiamo, non ha un esito scontato perché: “… i vasi del ceramista li mette alla prova la fornace, così il modo di ragionare è il banco di prova per un uomo.” (dal Libro del Siracide)
Infatti, i potenti del mondo, nonostante il grande potere che ottengono, non lo mantengono a lungo. Soprattutto se si tratta di un potere a servizio del male. Sta a noi contrastarlo, lasciandoci guidare dalla Parola, dall’esempio di vita di Gesù che ha trionfato sul male salendo sulla croce e là, dall’alto di quel sacrificio, ha assicurato, fino alla fine dei tempi, che non avrebbe abbandonato gli operatori del bene: “… l’uomo buono dal buon tesoro del suo cuore trae fuori il bene, l’uomo cattivo dal suo cattivo tesoro trae fuori il male.” (dal Vangelo secondo Luca)

mercoledì 23 febbraio 2022

NOVE MESI PER LA VITA - FEBBRAIO 2022

Domenica 27 Febbraio 2022 ore 16,00
alla Chiesa della Madonna degli Angeli

Che ne è di tuo figlio, di tuo padre,
di tua madre, di tuo fratello?
==========
                    Come in un catalogo
 

“Ho potuto scegliere il “papà” di mio figlio.
Ho avuto una lista di donatori compatibili e una scheda: è medico, ama Bach…”
           Carmen Consoli
   da “Il Timone”  01/2022

Così spiega la cantante come ha scelto dalla banca dati riguardante i donatori, si fa per dire, di sperma. Così è stato concepito suo figlio, fin da subito orfano di padre.
In compenso, quando sarà grande, avrà modo di appurare la compatibilità biologica con quanto scritto in quella scheda: amante musica, medico, appassionato di filosofia. E domandarsi, così, filosoficamente, a quali libertà si era ispirata sua madre.

 

 

La Parola:
Ger. 17,10
   Io, il Signore, scruto la mente e saggio i cuori, per dare a ciascuno secondo la sua condotta,secondo il frutto delle sue azioni.
At. 17,16

Paolo, mentre li attendeva ad Atene, fremeva dentro di sé al vedere la città piena di idoli.

Lc.11,29b

Gesù cominciò a dire: «Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona.

sabato 19 febbraio 2022

LA FATICA DI AMARE

VIIa Domenica T.O. Anno C

Il Vangelo di oggi è veramente difficile da digerire perché è faticoso amare tutti. Eppure Gesù ci chiama
in disparte e: “… a voi che ascoltate io dico: amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per quelli che vi trattano male. (dal Vangelo secondo Luca)
Ho molto da ridire su parecchie cose che accadono oggi, volute ed imposte da persone che dovrebbero preoccuparsi del bene comune ed invece sono protesi solo alla realizzazione di interessi di parte e ad un progetto sociale e politico ben definito. Stanno facendo del male a tanti e lo fanno con cattiveria, perciò è veramente difficile ricambiare simpatie e astensioni di giudizio sul loro operato. Gli errori bisogna denunciarli, il comportamento deve essere stigmatizzato perché bisogna soccorrere “gli orfani e le vedove”, cioè coloro che soffrono per le ingiustizie di questo mondo, anche perché: “… il Signore renderà a ciascuno secondo la sua giustizia e la sua fedeltà.” (dal primo Libro di Samuele)

sabato 12 febbraio 2022

ALLA SERA DELLA VITA

Sesta Domenica T.O.  Anno C

   beati voi quando vi insulteranno per causa mia rallegratevi
Dio affidò la cura del suo popolo a persone scelte. Quelle persone, però, molto spesso pensarono a fare i propri interessi. Mandò loro anche profeti a correggerli, ma finirono il più delle volte uccisi. Tanto che le maledizioni e le invettive costellano le pagine della Bibbia: “… maledetto l’uomo che confida nell’uomo, e pone nella carne il suo sostegno, allontanando il suo cuore dal Signore.” (dal Libro del profeta Geremia)

sabato 5 febbraio 2022

LE RETI DI VITA

Quinta Domenica T.O. (Anno C)

44a GIORNATA per la VITA

Traggo da uno scritto di Lucien Jerphagnon questa preghiera: “Signore, senza alcun dubbio, è molto tardi perché possa fare ancora granché di buono nella vita. Devo pur ammetterlo, senza amarezza, semplicemente. Senza accusare la società, il governo, i miei genitori o gli altri in genere. Tuttavia, Signore, vorrei ancora riprendermi. Senza rassegnarmi troppo facilmente ad essere sempre l’ultima ruota del carro, senza coltivare la mia strana caratteristica di non essere un buon a nulla. Signore, vorrei essere ancora buono a far qualcosa, pur sapendo che ormai è troppo tardi.”
Mi ci ritrovo in questa preghiera.