19 luglio 2024

LA BATTAGLIA E IL RIPOSO

XVI Domenica del T.O.
Anno B


Spesso e volentieri i brani evangelici iniziano con “in quel tempo…” Mi piace questa locuzione perché è come se leggessi “in questo tempo…”. Ecco, proviamo con il Vangelo di questa domenica: “…In quel tempo gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. Ed egli disse loro: venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’.” (dal Vangelo secondo Marco)
La traduzione potrebbe essere: in questo tempo, noi discepoli di Cristo ci troviamo attorno a Gesù, presente nel Tabernacolo della nostra parrocchia o della nostra chiesa e dopo averlo adorato in ginocchio, ascoltato la sua Parola, ricevuto nel Santissimo Sacramento, in silenzio gli riferiamo tutto quello che abbiamo fatto durante la giornata o la settimana e quello che abbiamo ricevuto. In parole povere gli diciamo delle nostre gioie, delle nostre delusioni, del nostro dolore, delle nostre preoccupazioni. Lui è in noi, non ne dubitiamo, per questo scrutiamo il profondo del nostro cuore ed è come se effettivamente ci portassimo in un deserto. In disparte, dove riposare dopo le battaglie di tutti i giorni, dove possiamo capire quanto Dio ci è vicino, insegnandoci con quale umiltà si resiste all’orgoglio, con quale benevolenza si combatte l’invidia, in quale misura non ci si debba beare delle parole adulatorie, bensì rallegrarsi del bene degli altri.

12 luglio 2024

LA NOSTRA POLVERE

XV Domenica del T.O. 
Anno B


La Parola di questa domenica suscita diverse sollecitazioni ed accostamenti circa il modo con cui si cerca di portare l’annuncio evangelico nella società in cui viviamo. Prendiamo, per esempio:“…a Betel non profetizzerai più, perché questo è il santuario del Re ed è il tempio del regno.” (dal Libro del profeta Amos)
Traducendo quella situazione nel linguaggio d’oggi possiamo immaginare che il santuario e il tempio di Betel siano da identificarsi con i luoghi del potere legislativo attuale, e sentirci dire: tu cristiano non venire più nei Parlamenti a parlarci di Dio, del suo Regno, della sua Legge, dei valori (non negoziabili), dei diritti dei deboli, perché abbiamo deciso che per te e per Lui non c’è più spazio.

6 luglio 2024

IL DEBOLE E IL FORTE

XIV Domenica del T.O.
Anno B


Leggo ogni giorno di divisioni all’interno della Chiesa, di scomuniche e di ammonizioni. La cosa mi addolora moltissimo. Nonostante si continui a parlare di misericordia e di speranza, di fatto si registrano sentimenti di chiusura e di rifiuto nei confronti di chi vuole vivere la propria fede nei solchi della Tradizione e del perenne Magistero della Chiesa. Nonostante si continui a parlare di sinodalità, di fatto il centralismo gerarchico diventa sempre più intransigente su comportamenti ed obbedienza. La confusione regna ed il malessere sovrasta quella che dovrebbe essere la tranquilla fiducia in chi è chiamato a guidare il pellegrinaggio terreno dei membri della Chiesa. Mi viene, perciò, facile immergermi nella preghiera del Salmo:“…pietà di noi, Signore, pietà di noi, così i nostri occhi al Signore nostro Dio, finché abbia pietà di noi.” (dal Salmo 122)