sabato 30 marzo 2019

LA LIBERTA’ DEI FIGLI


Quarta Domenica di Quaresima (Anno C)
Il Padre della famosa parabola del figliol prodigo, com’era detta una volta, riconosce ai suoi figli il diritto alla libertà e non solo a parole, ma nei fatti. Un uomo così ricco e sicuro di sé non avrebbe avuto alcuna difficoltà ad incaricare un suo servo di seguire passo passo il figlio scapestrato, tanto più che ben sapeva della supponenza del figlio minore. Per amore, viene da dire, avrebbe dovuto fare così, se non altro, per proteggerlo, ma era giusto che cominciasse a camminare con le sue gambe. Un po' come per il popolo d’Israele, come ci viene raccontato nel Libro di Giosuè:
“…e a partire dal giorno seguente, come ebbero mangiato i prodotti della terra, la manna cessò.”
Cioè, era ora che gli eletti cominciassero ad assumersi le loro responsabilità: potevano contare sulla benevolenza del Signore, ma giunge un momento in cui ciascuno deve poter corrispondere con la sua vita a quanto di buono ha ricevuto per grazia e per amore. Lo si può fare con umiltà e docilità, oppure, come fece il figlio della parabola, con autosufficienza e baldanza. Si può solo immaginare il tremore con cui il Padre vede allontanarsi quel figlio prediletto. Succede ogni volta che un ragazzo, appena dopo la Cresima, se ne va e non lo vedi più se non per qualche funerale o, se va bene, per il matrimonio.
Si direbbe, però, che almeno è rimasto quel fratello maggiore, quello che potremmo ritenere un giusto. Sappiamo bene, però, che non è sempre così perché anche nel giusto albergano sentimenti rancorosi e lo si capisce bene nello sviluppo del racconto evangelico. Per questo ancora una volta c’è bisogno del Buon Dio:
“…molti sono i mali del giusto, ma da tutti lo libera il Signore. Custodisce tutte le sue ossa: neppure uno sarà spezzato.” (dal Salmo)
Il Padre libera, infatti, anche il fratello maggiore, gli fa capire che ha custodito in toto la sua vita, ha condiviso la pienezza della sua casa. Non è forse così anche per noi quando, pur mutevoli a causa del peccato, stiamo comunque, magari indegnamente, presso la Casa del Padre, nella sua Chiesa, alla fonte della sua Liturgia, dei suoi Sacramenti? E’ così, perché speriamo, perché vorremmo davvero essere discepoli di Cristo al fine di diventare persone nuove, come dice San Paolo:
“…tanto che, se uno è in Cristo, è una nuova creatura: le cose vecchie sono passate; ecco ne sono nate di nuove.” (dalla seconda lettera ai Corinti)
Pure il figliol prodigo, ad un certo punto, capisce di aver sbagliato, sente la nostalgia di Casa, vorrebbe presentarsi al Padre come una persona nuova. Ha vergogna, sa di non meritare misericordia, ma, evidentemente, ancora non sa di cosa è capace suo Padre:
“…quando era ancora lontano, suo Padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.” (dal Vangelo di Luca)
Proviamo ad immaginare la scena, ma soprattutto proviamo a capire come il cuore di quel povero ragazzo può aver reagito di fronte ai gesti del Padre.
Matilde di Magdeburgo l’ha inquadrata in questo modo:
“Quando la povera anima giunge a corte, allora è saggia e affabile, così guarda il suo Dio con gioia. Ah, con quanto amore viene accolta. Egli le mostra con grande desiderio il suo cuore divino.”
Questa è la potenza della misericordia, quando accorda, per amore e solo per amore, la libertà di andare lontano, nelle miserie del mondo, affinché, nella libertà si comprenda che non basta riavvicinarsi, ma per fortuna, invero per amore, c’è chi continuamente guarda all’orizzonte, e per compassione, è subito pronto a correrti incontro, a non condannarti, ma ad abbracciarti ed a baciarti. Ed è festa.
Si capisce, allora, perché nella conversione esplode la gioia.

Gs 5,9a.10-12 / Sal 33(34) / 2Cor 5,17-21 / Lc 15,1-3.11-32
digiemme


Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento e la tua opinione ci confermano nel nostro impegno