venerdì 13 dicembre 2019

LA FORZA DELLA GIOIA


Terza Domenica di Avvento (Anno A)
Gaudete
La terza domenica di Avvento sottolinea che
dobbiamo predisporci nell’attesa con gioia. Non può essere diversamente, inoltre tutto è orchestrato in funzione ed in augurio di buone feste piene di serenità e gioia. Anche il colore liturgico si differenzia in maniera netta proponendo, per sacerdoti e diaconi, stole, pianete, casule, dalmatiche,  rosa. E’ un colore talmente insolito che non si può fare a meno di spiegarne i motivi, appunto l’invito alla gioia. Perché il Signore non si dimentica del suo popolo, il Signore rinnova la sua alleanza e viene a proporci il suo piano di salvezza. Non si tratta, però, di un happening vita natural durante fine a sé stesso, bensì di un invito ad alzarsi le maniche affinché nessuno sia escluso da quel piano:“…irrobustite le mani fiacche, rendete salde le ginocchia vacillanti, dite agli smarriti di cuore, coraggio, non temete!” (dal Libro del Profeta Isaia).

sabato 7 dicembre 2019

LE MERAVIGLIE DELL’IMMACOLATA


Domenica 8 Dicembre 2019
Festa dell'Immacolata Concezione
Santuario di Lourdes - Grotta dell'apparizione
Ci è famigliare l’immagine, la persona dell’Immacolata, è quasi come una di casa. E’ facile sentirla vicino a noi perché il bisogno della mamma non diminuisce con l’avanzare dell’età, anzi è un desiderio che, a volte, si idealizza anche troppo. Fisicamente, quindi, cerchiamo, forse anche inconsciamente, quell’appoggio sicuro, certo, presente, forte della madre che sa accogliere sempre. Per soddisfare tutti i nostri bisogni, anche quando non lo meritiamo. Lo stesso si può dire, se quella ricerca si eleva al significato profondo della nostra vita e, all’improvviso, troviamo corrispondenza nella nostra seconda mamma, la Beata Vergine Maria, così come si è presentata alla piccola Bernadette: l’Immacolata. Non andiamo a dilungarci sul significato teologico di tale mistero, di tale dogma, restiamo ancorati al Vangelo:
“…Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.”

sabato 30 novembre 2019

LA CITTA’ SUL MONTE


Prima Domenica di Avvento (Anno A)
TENETEVI PRONTI ..... VIENE IL FIGLIO DELL'UOMO!
La parola “monte” e la parola “cammino” nelle Sacre Scritture sono usate come metafore cui collegarsi per comprendere quale percorso dobbiamo intraprendere nella vita per giungere alla casa del Padre, che viene indicata come posta sul monte:
“…Gerusalemme è costruita come città unita e compatta…sia pace nelle tue mura, sicurezza nei tuoi palazzi.” (dal Salmo 121)
Quanto abbiamo bisogno di pace e sicurezza perché solo così possiamo crescere nell’unità e in concordia con coloro che ci stanno attorno. E’ un dovere che abbiamo nei confronti, soprattutto, di coloro che sono deboli ed indifesi: i nostri bambini, i nostri malati, i nostri vecchi. Sono essi che danno senso alla fatica nel salire verso la montagna, nello spianarla, nel costruire archi e porte, nell’innalzare mura e stendere ponti.

sabato 23 novembre 2019

NOVE MESI PER LA VITA: NOVEMBRE 2019

Domenica 24 novembre 2019 ore 16,00  
alla Madonna degli Angeli 
======================================================== 
 LA VITA CI INTERPELLA:
 Vestire di amore  la vita : due ore e 11 minuti: una vita bellissima

Una storia bellissima e commovente che non si legge sulla“grande stampa”, un frammento di quell’umanità che resiste ad ogni tentativo forzato di omologazione. È stata la redazione di Aleteia.org (edizione francese) a raccontare quest’esperienza dolorosa e luminosa.
Di don Silvio Longobardi
28 ottobre 2019
Pablo e Marie, lui spagnolo e lei belga, hanno celebrato le nozze nella primavera 2018, vivono a Madrid. Il loro amore è subito benedetto dall’arrivo di un figlio, la lieta attesa si tinge di angoscia quando, alla ventesima settimana, scoprono che la loro bambina è affetta da anencefalia, una grave malattia del sistema nervoso incompatibile con la vita. La comunicazione del medico che opera l’ecografia non lascia scampo: “Il vostro bambino ha una malformazione molto grave. Avete intenzione di abortire?”. Malgrado la brutalità delle parole e il comprensibile shock per questa notizia, i due giovani genitori scelgono immediatamente di accogliere la vita e di donare a questa bambina tutto l’amore possibile.