Pagine

sabato 24 novembre 2018

DALLA PARTE DELLA VERITA’


Solennità di Cristo Re (Anno B)
In un periodo storico dove a farla da padrone è il relativismo, è strambo proporre un discorso serio sulla verità. Nessuno di noi ce l’ha in tasca perché una verità soggettiva è un non senso, ma se leggiamo ed ascoltiamo attentamente e senza paraocchi ciò che ci dice la Scrittura, allora le nubi cominceranno a diradarsi:
“…Ecco, viene con le nubi e ogni occhio lo vedrà, anche quelli che lo trafissero e per lui tutte le tribù della terra si batteranno il petto.” (dal Libro dell’Apocalisse)

sabato 17 novembre 2018

LA PIANTA DI FICO


XXXIII Domenica T.O. (Anno B)
Arrampicarsi su una pianta di fico è un gioco da ragazzi, infatti, da bambino, nell’orto del mio compagno di scuola, ci divertivamo a salirvi e scendere nell’esercizio delle nostre giocose iniziative. Non sapevo dell’importanza di questa pianta nell’economia narrativa dei racconti biblici:
“…dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. Così anche voi: quando vedete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.” (dal Vangelo di Marco)
Quanto accade intorno a noi sembra quasi preludere a quella profezia.

sabato 10 novembre 2018

LA CASA DI SAREPTA


Domenica XXXII T.O.(Anno B)
Se invece della casa di Sarepta dove ad attendere Elia stava una vedova ormai stremata dalla carestia e dalla povertà, il Buon Dio volesse indicare, ora, la casa nostra, dove abitiamo e cerchiamo di resistere nella carestia di valori e, per alcuni, anche di sostegni economici? Quale accoglienza per l’uomo di Dio saremo in grado di offrire? Gli diremo che non abbiamo tempo di ascoltarlo, di andare alla mensa dei frati che un primo e un secondo, alla domenica, li danno a tutti. Siamo talmente poveri di “timor di Dio” che non c’importa nulla della sua Chiesa, ormai quasi come un deserto, che preti e simili stanno meglio di tanti poveri disgraziati. Eppure quello si presenta proprio alla tua porta, e quel poco che hai, te l’hanno insegnato e testimoniato i tuoi genitori, il tuo vecchio parroco, lo condividi, hai fiducia nel Signore ed ecco:“…la farina della giara non venne meno e l’orcio dell’olio non diminuì, secondo la parola che il Signore aveva pronunciato per mezzo di Elia.” (dal Primo Libro dei Re).