Pagine

sabato 24 giugno 2017

TERRORE ALL’INTORNO



XII Domenica del Tempo Ordinario Anno A
 Ma il Signore è al mio fianco come un prode valoroso,
per questo i miei persecutori cadranno e non potranno prevalere;
.........................................................................
Signore degli eserciti, che provi il giusto e scruti il cuore e la mente,
..................a te ho affidato la mia causa!
(Ger.20,11-12)
NON ABBIATE PAURA
Eh, sì! Viviamo nel terrore di “edizioni straordinarie” che raccontano di stragi, di violenze, di invasioni, di ingiustizie, di abbandoni.
Anche nella Chiesa tira brutta aria, certo non di terrore, ma di confusione sicuro e non si sa dove si andrà a finire. Ma dal profeta Geremia ascoltiamo:
“…Terrore all’intorno!...ma il Signore è al mio fianco, ha liberato la vita del povero dalle mani dei malfattori.”
Evidentemente ci sono malfattori ancora oggi e non solo quelli comunemente definiti “ladri di polli”; li troviamo nel Parlamento, nei Consigli Regionali, nelle Istituzioni, nelle redazioni giornalistiche, nelle TV, negli ospedali, nello sport, e sono più di quanti possiamo immaginare.

mercoledì 21 giugno 2017

LEON – SAN MARTIN DEL CAMINO 16.08.2009 XIX tappa

Signore, volevo cercare la mia felicità nelle creature di questo mondo, come vedevo fare da tanta gente intorno a me; ma quanto più cercavo, tantomeno trovavo; quanto più mi avvicinavo, tanto più mi allontanavo…In quanti cammini sfibranti non mi sono impantanato? Beato veramente l’uomo che tu previeni con tanto amore da non essere lasciato in riposo finché non cerchi in te solo il suo riposo. (Beato Henri Suso)
In questo cammino proprio non mi sono mai impantanato, anzi, insieme a Mariella, ho trovato quegli stimoli, quelle motivazioni che mai avrei immaginato. Mi rendo conto che non sto andando solo verso delle antiche pietre, verso il sepolcro di un Santo. La stanchezza è tanta, ma la volontà è più forte, da dove viene questa forza?

sabato 10 giugno 2017

LA CONDANNA E LA SALVEZZA



Santissima Trinità  (Anno A)
Cattedrale S.S.Trinità - (Tbilisi)
Il Vangelo di questa domenica dedicata alla Santissima Trinità è molto chiaro:
“…Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato, ma chi non crede è già stato condannato.”
Quindi, la scelta fra la condanna e la salvezza è radicata nella consapevolezza di quanto ciascuno vuole credere o meno in Gesù Cristo. In nessun altro, solo in lui. Pertanto, se qualcuno dopo aver conosciuto la storia, la vita, il messaggio di Gesù, ritiene in coscienza di rifiutarlo, di non seguirlo, di non mettere in pratica il suo Vangelo, è condannato al nulla nella vita dopo la morte.

mercoledì 7 giugno 2017

RELIEGOS – LEON Sabato 15 Agosto 2009 XVIII tappa

“ La felicità non si presenta in un solo momento o in un giorno. La felicità è durante, è nel viaggio, che va avanti per tutta l’esistenza”. S.B.
Sembrava una tappa, sulla carta, facile. Invece, a parte le sette ore e mezzo di strada, siamo giunti alla meta sfiniti ed affannati.
Al mattino presto tutti leoni, alla fine muli sfiancati. E meno male che condividiamo proprio tutto. Da qui scaturisce la forza di andare avanti, dal sostegno psicologico vicendevole, dal pungolarsi continuamente per non demordere.
Chi va sul cammino da solo trova sempre un compagno di viaggio e non sarà quello che ti scegli o quello che capita, bensì quello che avrà il tuo stesso passo.

sabato 3 giugno 2017

IL RINNOVO DELL’ALLEANZA



Domenica di Pentecoste (Anno A)
Vedendo passare i miei giorni, i miei anni, mi domandavo dove mai si rinnova l’alleanza fra il mio mondo ed il Signore. D’altra parte, lo Spirito Santo si è infuso una volta per tutte nei Sacramenti che ho ricevuto. La festa di Pentecoste, se la viviamo in pienezza, porge la risposta e la giro a beneficio di tutti. Sentiamo alcuni passaggi degli Atti degli Apostoli: “…venne all’improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbattè impetuoso e riempì la casa dove stavano…nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi…”.