sabato 28 dicembre 2019

IN BRACCIO…


Santa Famiglia     
Fuga in Egitto - Sacro Monte di Varallo Sesia
 Sembra si sia tornati indietro nel tempo quando per raccontare la “buona novella”, la vita di Gesù e dei santi, in modo incisivo, si usava l’arte figurativa. Infatti le chiese, dal medioevo in avanti sono un affresco unico, ravvivate da vetrate, statue, vie crucis e simboli vari. Tant’è, pure oggi si punta sempre più sulla forza evocativa dell’immagine. Siamo nell’era dove la parola, il testo, le spiegazioni passano in secondo piano, dove una testimonianza, una storia ha buona possibilità di essere letta se veicolata da un’immagine accattivante o sufficientemente deduttiva.
Così, per esempio, è avvenuto con quell’immagine della natività che vede la Madonna addormentata e Giuseppe con in braccio il neonato bambino Gesù. La prima volta che l’ho vista mi ha strappato un sorriso di tenerezza, poi ci sono ritornato e vi ho intravisto un messaggio strano, che non sapevo decifrare. Quel modo di presentare la Santa Famiglia mi sembrava, volesse dire che quella famiglia non è poi tanto santa, è una famiglia come la mia, come la tua, una coppia come tante che vive e travaglia il fatto di una nascita come quella dei miei genitori quando sono nato nella povera stanza da letto di casa, mia madre assistita solo dall’ostetrica del paese arrivata all’ultimo momento. Ma non è così, non può essere così. Si torni alle classiche rappresentazioni dove Maria è la vergine prima, durante e dopo il parto e Giuseppe è il padre putativo capace di una virile castità perché il loro figlio è Gesù Cristo il Verbo che si fece carne. Tutti i presepi, le natività fino a un decennio fa rimandavano alla Santità della Famiglia di Nazaret, altro che bambinelli neri, mangiatoie su barche e altre libere interpretazioni di un fatto che duemila anni fa ha cambiato la storia dell’umanità. Restiamo ancorati alla tradizione, non svalutiamo ciò che nella Chiesa ci è stato tramandato con testimonianze, sacrifici, martirii. Se c’è una cosa che sicuramente vede Giuseppe protagonista la possiamo riscontrare e leggere proprio nel Vangelo di Matteo di oggi:
“…Egli si alzò, prese il bambino e sua madre…”
Ecco, questo fatto, la sollecitudine dell’angelo affinché velocemente partissero per l’Egitto, dimostra quella virilità di padre e di marito da parte di Giuseppe. Rimane impressa l’azione di prendere davvero in braccio il Bambino, per portarlo al sicuro; rimane come scolpito il gesto di prendere la mano di Maria per aiutarla a salire sulla cavalcatura. In quel raccontare traspare tutta l’umanità della situazione, come, nello stesso tempo, rimane il mistero di un disegno divino che coinvolge non solo quella famiglia, ma pure tante altre famiglie dei bambini fatti uccidere da Erode. A noi che con fatica cerchiamo di capire, che passiamo dalla gioia della Nascita alla tristezza della Morte dei Santi Innocenti, se sappiamo guardare a quei fatti contemplando e pregando, a noi non resta che impostare la nostra vita nel modo che ci indica l’Apostolo Paolo nella Lettera ai Colossesi:
“…scelti da Dio, santi e amati, rivestitevi, dunque, di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di magnanimità.”
Siamo santi perché amati, siamo santi perché riconosciamo che quella famiglia nel presepe prima, nella casa di Nazaret dopo, è la Famiglia cui compararci nel vivere nella nostra famiglia, con quei sentimenti paolini. In qualche modo sarà proprio la famiglia di ciascuno di noi che sarà presa in braccio, soprattutto quando andrà in crisi, quando rifiuterà la consolazione, quando tenteranno di distruggerla. Con il Salmo 128 possiamo allora cantare “Ecco com’è benedetto l’uomo (la famiglia) che teme il Signore e cammina nelle sue vie”.
Sir 3,2-6.12-14 / Sal 127(128) / Col 3,12-21 / Mt 2,13-15.19-23

digiemme

Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento e la tua opinione ci confermano nel nostro impegno