Pagine

sabato 3 dicembre 2016

LA SCURE



Seconda Domenica di Avvento
Oggi appare sulla scena Giovanni Battista, il cugino di Gesù, colui, che al sentirne la vicinanza, già nel grembo di sua madre Elisabetta, esultò di gioia. Due bimbi che s’incontrano per la prima ed unica volta ancora prima di nascere.
Un incontro fondamentale per il precursore Giovanni, che prepara la strada alla venuta fra la gente del Messia: “…già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco…” (Vangelo).
Giovanni non teme, vive nel deserto, ma sa bene ciò che alberga nei cuori degli uomini e li invita a cambiare vita, battezzandoli nell’acqua. Non teme i potenti, urla pubblicamente l’invito a convertirsi, a rinunciare alla condizione di peccato, perché è giunto il momento di tagliare alla radice il male.

A lui non interessa che frutto viene dall’albero, solo vuole che sia buono; non basta, quindi, produrre qualcosa, occorre che sia gradito a Dio, viceversa si taglia, si giudica il sapore e se permane cattivo, non solo i rami, ma pure la radice sarà tagliata e gettato il tutto nel fuoco. E’ chiaro.
E, pure, giusto, lo dice anche il profeta Isaia: “…non giudicherà secondo le apparenze e non prenderà decisioni per sentito dire, ma giudicherà con giustizia i miseri e prenderà decisioni eque per gli umili della terra…”
In questo passo del profeta c’è un suggerimento per non fare la fine di essere tagliato e gettato nel fuoco: l’umiltà, soprattutto nei confronti del Buon Dio.
Il Salmo lo ribadisce: “…tutti i re si prostrino a lui, lo servano tutte le genti…si preghi sempre per lui, sia benedetto ogni giorno”.
San Paolo, poi nella Lettera ai Romani, trova conferma a ragion veduta nell’esempio di vita di Gesù Cristo: “…teniamo viva la speranza. Il Dio della perseveranza e della consolazione ci conceda di avere gli uni verso gli altri gli stessi sentimenti, sull’esempio di Gesù Cristo…accoglietevi, perciò, gli uni gli altri come anche Cristo accolse voi…”.
Ascoltate le parole che sono associate a Dio: “perseveranza” e “consolazione”. Non è immaginazione o auspicio, è ciò che Gesù Cristo con la sua vita terrena ci ha trasmesso: avere fiducia in lui e perseverare nella fede. Detto questo, sappiamo che per tale motivo potresti essere allontanato, deriso, combattuto e spesso non troverai neppure dove appoggiare il capo, proprio ed anche nella tua casa, nella tua famiglia, nella chiesa. E’ così, lo sai e sopporti solo in forza della consolazione che viene dalla presenza continua di Gesù Cristo a fianco di te. A volte ti prende addirittura in braccio, anche se tu non te ne accorgi.
Certo bisogna avere i suoi stessi sentimenti e saperlo accogliere ogni giorno nella tua vita senza stancarti mai di cercarlo e di lasciarti cercare.
Sappiamo dove trovarlo: nell’Eucaristia, nel Santissimo Sacramento dell’Altare, nel Tabernacolo, il cuore di ogni chiesa. Quale desolazione quando entrando in una chiesa si fa fatica a trovare il Tabernacolo. Che obbrobrio. Davvero quella chiesa e chi ne ha cura è come paglia: “…io vi battezzo nell’acqua…egli battezzerà in Spirito Santo e fuoco…raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile” (Vangelo).
Anche noi saremo trattati come la paglia se non saremo perseveranti nel Battesimo che abbiamo ricevuto, eppure, vedete come ci “consola” il Battista: se solo nella nostra vita daremo “buon frutto”, saremo raccolti come frumento nel suo eterno granaio. E magari, invece, come frumento, in attesa di entrare nel granaio, potremmo essere noi quel seme caduto sulla buona terra per portare tanto frutto, oppure quel pane profumato per il salvifico sacrificio. Lasciamo che Lui faccia di noi secondo la sua volontà. E la scure resterà abbandonata.
Is 11,1-10 / Sal 71(72) / Rm 15,4-9 /  Mt 3,1-12

digiemme

Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento e la tua opinione ci confermano nel nostro impegno