Pagine

sabato 20 ottobre 2018

GRANDE E SOMMO


XXIX Domenica T.O.(Anno B)
Capita di sentirsi estraneo a ciò che ci sta attorno, di essere assenti, come se un grande vuoto ci trascinasse fuori dai nostri pensieri, dalle nostre occupazioni. Non c’è nessuno che ti può aiutare in quei frangenti, la solitudine interiore è la sola unica compagnia, cerchi di fuggire le occasioni prossime di incontri, come pure di tentazioni e senti di galleggiare in quella specie di limbo quale anticamera di un bisogno più grande. Poi, basta passare davanti ad una chiesa e ti senti attratto, non hai voglia di pregare, ma entri ed allora capisci che non sei più solo: “…dunque, poiché abbiamo un sommo sacerdote grande, Gesù il Figlio di Dio, manteniamo ferma la professione di fede.” (dalla Lettera agli Ebrei).
Siamo battezzati, siamo stati introdotti alla fede, quella nostra, la cattolica, che identifica un popolo, una cultura, una storia, la nostra storia. La vita, inevitabilmente, ci ha formati con quegli stampi, ma dai medesimi ci siamo pure allontanati oppure adeguati per quieto vivere. Spesso, però, ad un allontanamento è seguito un ritorno, senza capirne fino in fondo le motivazioni, salvo poi scoprire, una volta per tutte, che la causa è una sola: Gesù Cristo, sommo e grande per l’amore che continuamente sprigiona verso i suoi, coloro che sono stati battezzati nel suo nome. Ecco perché, continuamente, anche inconsapevolmente: “…l’anima nostra attende il Signore, egli è il nostro aiuto e nostro scudo…su di noi sia il tuo amore Signore.” (dal Salmo)
Questa è la nostra più genuina preghiera. Se solo riuscissimo a interiorizzarla come messaggio di sveglia che ci ristori dalla fatica di tutti i giorni. Davvero riusciremmo, allora, senza paura a risalire la china dai peccati in cui siamo scivolati. E’ il suo aiuto, è la sua presenza reale, nell’Eucaristia, nel Santissimo, cui possiamo rivolgerci come e quando vogliamo, che ci protegge, ci fa da scudo dai pericoli con cui il maligno, il male, lastrica il nostro cammino. Li potremo evitare, a maggior ragione, in un solo modo: “…si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.” (dal Libro del profeta Isaia)
Certo, il profeta presenta la persona di Gesù Cristo, attraverso il quale si compie la volontà di Dio Padre, e cosa dobbiamo fare noi se non metterci nella condizione di fare la volontà di Gesù Cristo e di Colui che l’ha mandato? Se vogliamo davvero essere suoi discepoli dobbiamo avere solo questa preoccupazione. Non pensare di essere il migliore, il più gradito, il più grande perché: “…coloro che sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e le opprimano. Tra voi, però, non sia così, ma chi vuole diventare grande tra voi sia vostro servitore.” (dal Vangelo di Marco)
La contrapposizione tra i grandi nel mondo, che fanno del governo ciò che vogliono, e fra i grandi nella Chiesa, per Gesù Cristo, è chiara. Coloro che sono discepoli di Cristo, in special modo i consacrati, gli ordinati nel sacerdozio, che per carisma hanno voluto rispondere alla chiamata diventando grandi, ecco costoro hanno un solo modo per esserne degni: essere servitori dei fratelli nella fede. E i primi cristiani si sono attenuti a quel modo di operare tanto che, poco per volta, quel modo di essere venne assunto, in seguito solo nelle intenzioni, anche dai grandi del mondo. E le condizioni di quelle nazioni, di quei popoli migliorarono, nei secoli, in meglio, come la storia ci tramanda. Sommo è uno solo, Gesù Cristo, chi crede in Lui, di questo sacerdozio Sommo, non può che beneficiarne al punto tale che, ecco, diventa un grande, ma solo nel servizio, ai fratelli, ma, soprattutto, dice il Signore, ai più piccoli dei miei fratelli.
Is 53,10-11 / Sal 32(33) / Eb 4,14-16 / Mc 10,35-45 
digiemme


Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento e la tua opinione ci confermano nel nostro impegno