Pagine

sabato 10 settembre 2016

IL PENTITO


XXIV Domenica del Tempo Ordinario
Quando si ascolta la storia del “figlio prodigo” si rimane interiormente fermi. Da dove cominciare per riflettere sui significati di questa parabola? I rivoli di acqua fresca che sgorgano dai personaggi che animano la vicenda sono innumerevoli.
Ora voglio evidenziare, prendendo spunto anche dalle altre letture, la figura del pentito.
Mi accorgo, sento dentro di me che ho peccato e mi pento.
Sono quello che sa pregare come il salmista: “…pietà di me, o Dio, nel tuo amore; nella tua grande misericordia cancella la mia iniquità”.
Sono quello che agiva come San Paolo: “…agivo per ignoranza, lontano dalla fede”.
Sono quello che: “…mi alzerò e andrò da mio Padre”.
Sono quello che sa di aver peccato e chiede perdono al Signore Dio.                                     
Lui sa cosa passa per la mia testa.
Lui mi lascia la libertà di pretendere, di volere, di rifiutarlo, di prendere  ed andarmene, così, come ha fatto il fratello minore.
Lui, però, è ricco di gioia quando un peccatore si converte: “…io vi dico, così vi sarà più gioia nel cielo per un solo peccatore che si converte…”.
Lui, sicuro, fa festa quando il peccatore torna: “…così io vi dico, vi è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte…”. E’ facile immaginare la miriade di angeli chiamati dal Buon Dio a condividere la sua gioia. Quante cupole nelle nostre chiese rimandano questa immagine.
Lui, il Padre, non aspetta.
Corre incontro al figlio che vede ancora lontano, lo invita ad alzarsi, lo abbraccia e chiama tutti a condividere perché: “…lo ha riavuto sano e salvo…perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”.
Va a cercare la pecorella perduta, non teme la perdita economica, su 100 pecore la cosa sarebbe stata un’inezia, perché è Padre e come tale, “…porta gli agnellini sul petto e conduce pian piano le pecore madri…” (Is 40, 11b). La sua gioia è ancora più grande, penso, quando la può condividere con ogni vita che germoglia e con le madri che procreano a questo miracolo della vita.
Manda suo Figlio, Gesù Cristo, perché il suo amore è sovrabbondante: “…e così la Grazia del Signore nostro ha sovrabbondato insieme alla fede e alla carità che è in Cristo Gesù.” (1Tm).
Addirittura promette al suo popolo: “…renderò la vostra prosperità come le stelle del cielo…” (Esodo), che rappresenta l’umanità, una prosperità immensa. E così è stato e così sarà, nonostante tutto.
Anche al popolo eletto capitò la schiavitù, fu ridotto al lumicino, così è anche per noi, la sua Chiesa, oggi. Ci sono fra di noi dei falsi profeti, ci sono tanti, troppi “Don Abbondio”, c’è un mondo esterno che ci vuole rinchiudere nei ghetti, in schiavitù, siamo ridotti al lumicino, nonostante i tentativi d’incanalare i grandi numeri con eventi particolari, ma il tutto è sempre e solo a causa del peccato.
Per uscirne, per ritornare a vivere la speranza occorre solo una cosa: pentirsi, alzarsi e andare verso il perdono, verso la misericordia del Buon Dio che scruta i nostri cuori e sa di che pasta è fatto il pentimento. Se è senza lievito, basterà poco per accorgersene. Non temiamo, però, lo Spirito Santo non cesserà di donare e ridonare la sua Grazia per saggiare veramente la nostra voglia di vita. Come è successo al “figliol prodigo”.
Es 32,7-11.13-14 / Sal 50(51) / 1Tm 1,12-17 / Lc 15,1-32


digiemme

Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento e la tua opinione ci confermano nel nostro impegno