sabato 22 febbraio 2020

LA DIMORA


VII Domenica T.O. (Anno A)
“Credo in te, o Padre; tu hai posto nei nostri cuori il desiderio di cercarti, la pazienza di aspettarti, la gioia di riconoscerti, la forza di sentire il tuo silenzio.” (Alcuni studenti di nostra Signora di Chartres). Per aspirare a diventare monaco bisogna proprio che in sé si senta quasi fisicamente la presenza del Signore, come se Lui avesse deciso di abitare nel proprio cuore, nella propria mente. Dopo tutto, però, anche San Paolo lo ricordava ai Corinti:
“…non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?” (dalla prima Lettera ai Corinti)
Di sicuro avviene per ciascuno di noi ogni qual volta ci accostiamo alla Comunione. Che responsabilità! Diveniamo tabernacoli viventi, siamo ad un passo dall’eternità, comprendiamo che abbiamo in noi un’energia del tutto diversa che ci fa intravedere un traguardo cui non importa arrivare primi, ma giungerci in perfetta grazia di Dio. Ripensiamo, infatti, alla nostra vita e conveniamo con il Salmo:
“…l’uomo: come l’erba sono i suoi giorni! Come un fiore di campo, così egli fiorisce. Se un vento lo investe, non è più, né più lo riconosce la sua dimora.”
E’ certo che se guardiamo solo alla nostra forza, alla nostra bellezza, a quanto siamo bravi e capaci, al come siamo arrivati in carriera, in società, in politica, nella finanza, allora ci accadrà proprio di non accorgerci che siamo finiti, siamo come quei fiori. Ecco, anche il nostro corpo mai più ci aiuterà, non sarà più nostro, e, addirittura, accostarci alla Comunione in quello stato sarà la nostra completa rovina. Su questo non ci piove. Bisogna, quindi, sempre essere tanto umili da saperci interrogare continuamente sul nostro stato di vita, al di là di ogni buona intenzione. Il Libro del Levitico invita ad essere schietti e chiari:
“…rimprovera apertamente il tuo prossimo, così non ti caricherai di un peccato per lui.”
Ma io dico che ancor prima bisogna ammettere, in foro interiore, il proprio peccato, ed avere il coraggio di confessarlo. Poi, certamente, non ci si può esimere dal gridare pubblicamente ciò che è male, ciò che è contro la legge di Dio. Lasciare od accettare anche il male minore, è un peccato che ricadrà su di noi. Già così avviene quando vediamo che questa società in cui viviamo continua a trascinarci sempre più in basso, verso un inferno dove milioni di persone si dibattono senza speranze, dove milioni di bambini sono condannati, innocenti, alla non nascita. Di fronte a questa visione, alle cronache di tutti i giorni che ci spingono alla contrapposizione, ci sovviene, però, il Vangelo di Matteo:
“…ma io vi dico amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano, affinché siate figli del Padre vostro che è nei cieli.”
Non so quanti di noi sentono di avere nemici, ed è forse questo il problema perché potrebbe essere un sintomo dell’assuefazione al peccato che stravolge il comune vivere. Qui in Italia non ci siamo forse assuefatti ad una legge come quella che ha legalizzato l’aborto? Non ci siamo forse adeguati ad una trasformazione del concetto di famiglia a favore di evanescenti famiglie? Appena, però, qualcuno di noi alza la voce, come dovrebbe (vedi il Levitico) ecco allora che subito diventa lui stesso il nemico e come tale va schiacciato, combattuto, ridotto all’angolo o, se va bene, nelle sacrestie. Ma siamo figli di Dio, cioè dimoriamo in Lui ed ecco perché amiamo, nonostante tutto, e siamo in grado di pregare per coloro che peccano contro l’uomo e contro Dio.
Lv 19,1-2.17-18 / Sal 102(103) / 1Cor 3,16-23 / Mt 5,38-48

digiemme

Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento e la tua opinione ci confermano nel nostro impegno