Pagine

sabato 29 dicembre 2018

LA FAMIGLIA: IL MISTERO GRANDE


Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe
Quando una madre prega per suo figlio entra in una situazione di perenne attesa, come se portasse in sé una presenza da cui non potrà mai più separarsi. E’ la sua vocazione, sembra di sentire la madre di Samuele: “…per questo fanciullo ho pregato e il Signore mi ha concesso la grazia che gli ho richiesto.” (dal Primo Libro di Samuele)
Nella preghiera si ritrova la fiducia, ci sono tante storie che si potrebbero raccontare dove si sono realizzati fatti umanamente inspiegabili grazie alla preghiera. E’ per questo che bisogna da subito insegnare a pregare ai fanciulli, offrendo seri esempi proprio all’interno della vita quotidiana della famiglia. La giornata può essere scandita, senza affanni, da brevi momenti di silenzio, brevi preghiere, come quelle del mattino, della sera, prima dei pasti. Un papà e una mamma che si fermano, mano nella mano, invitando i figli a fare altrettanto troveranno pace e serenità, gioia e letizia nei rapporti fra loro e con loro: “…perché sole e scudo è il Signore Dio; il Signore concede grazia e gloria, non rifiuta il bene a chi cammina nell’integrità.” (dal Salmo 84)

Tanto più a chi cammina insieme ai propri figli, alla propria moglie, al proprio marito. Certo, oggi non è così semplice, ci si lascia trascinare, anche senza accorgersene da “un mondo che ha fretta. Tutti sembrano correre come pazzi dietro a uno sviluppo e a un arricchimento maggiori, di modo che, da una parte, i figli sembrano avere molto poco tempo per i genitori, e allo stesso tempo ai genitori manca il tempo per i figli e per sé stessi. Così è proprio dal focolare domestico che si mette in moto la rottura della pace nel mondo.” (Madre Teresa di Calcutta)
Si comprende, così, perché la pace è lontana dal realizzarsi veramente. Si comprende, così, la profondità dell’esortazione che ci viene dalla Prima Lettera di Giovanni: “…carissimi se il nostro cuore non ci rimprovera nulla, abbiamo fiducia in Dio, e qualunque cosa chiediamo, la riceviamo da lui perché osserviamo i suoi comandamenti e facciamo quello che gli è gradito.”
In realtà noi smettiamo di chiedere, cioè di pregare, perché in coscienza sappiamo di non essere a posto e non vogliamo entrare nel merito, tanto più andare al confessionale. Se questa condizione s’incancrenisce ecco spiegato il perché non si trova soddisfazione quelle poche volte che, in extremis, ci rivolgiamo a Lui per risolvere problemi creati da noi stessi.
Facciamo, allora, quello che gli è gradito, cioè vivere nell’amore in famiglia, come d’altronde ci si era promesso, e vedremo che tutto cambierà e scopriremo che la preghiera diventa il fertilizzante del nostro giardino (Il Signore ha messo un seme nella terra del mio giardino...cantavamo alcuni anni fa).
Quella canzone diceva “io volevo che fiorisse il fiore…ma il tempo del germoglio lo conosce il mio Signore…” E’ questo il tempo dell’attesa, della perenne attesa di una madre, dell’attesa del compimento dell’amore dal fidanzamento al matrimonio, dell’attesa da una generazione all’altra, dell’attesa dell’incontro: “…dopo tre giorni lo trovarono nel tempio…”
I tre giorni dalla morte, dell’angoscia, che rimandano, però, alla resurrezione, alla rinascita, all’eternità; “…ma essi non compresero ciò che aveva detto loro…”
Le difficoltà, le incomprensioni che tutti i genitori incontrano, prima o poi, nel rapporto con il figlio: anche in questo caso si tratta di accettare l’attesa; “…scese dunque con loro e venne a Nazaret e stava loro sottomesso.” (dal Vangelo di Luca)
Tutto si dipana, quindi, secondo un progetto ben preciso, un progetto divino che fa capo alla famiglia, all’amore fra un uomo e una donna che forma la famiglia, in cui tutti i componenti sono chiamati ad un compito, una responsabilità che si assume il bene degli altri. Non si può depotenziare questo fondamento dell’esistenza umana, neanche volendo, come il mondo cerca di fare. Perché nella famiglia è pienamente presente il Mistero Grande, la famiglia è Mistero Grande, ne abbiamo testimonianza in quella di Nazaret.
1Sam 1,20-22.24-28 / Sal 83(84) / 1Gv 3,1-2.21-24 / Lc 2,41-52


digiemme

Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento e la tua opinione ci confermano nel nostro impegno