sabato 20 luglio 2019

IL SERVIZIO E L’ASCOLTO


XVI Domenica  T. O. (Anno C)
Duomo di Monreale
Siamo così presi dai nostri problemi, dal ritmo vertiginoso delle nostre giornate che se anche si fermassero davanti a noi quei tre angeli di cui parla Abramo, non ce ne accorgeremmo, lasciandoli andare senza neppure rivolgere loro un breve pensiero:
“…dopo potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo.” (dal Libro della Genesi)
Abramo, invece, a differenza di noi, offre loro quanto di meglio può preparare, ed in fretta, perché ben sa che la vita passa, ci tocca, ma non può fermarsi, deve andare oltre, deve raggiungere altri, e poi ancora, altri, per arrivare, appunto fino a noi.
L’umiltà, la fiducia illimitata di Abramo vengono premiate con il dono della vita, con la maternità di sua moglie Sara. E’ un dono sempre disponibile, la nostra stessa vita ne è conferma.
E’ cosa buona pensare che si possa concretizzare solo che anche noi facciamo la nostra parte, anche noi tentiamo di essere come: “…colui che cammina senza colpa, pratica la giustizia e dice la verità che ha nel cuore, non sparge calunnie…non fa danno al suo prossimo e non lancia insulti.” (dal Salmo)
D’altronde, non si può prescindere dal vivere secondo la legge morale che è connaturale alla nostra umanità. Un breve pensiero di Antonio il Grande rende meglio il concetto: “Non è lecito valutare in bene o in male il divino in base alle realtà umane. Dio è soltanto buono, fa solamente il bene, mai reca danno, perché tale è la sua natura, mentre noi se restiamo buoni per somiglianza, ci uniamo a Dio; se, per dissimiglianza, diventiamo cattivi, ci separiamo da Dio.”
E’ come un vademecum comportamentale per il buon cristiano, ma non basta, bisogna che non rinunciamo mai ad annunziare il nome di colui che veramente cambia la prospettiva della vita di ogni uomo, Gesù Cristo!
“…è lui infatti che noi annunciamo, ammonendo ogni uomo e istruendo ciascuno con ogni sapienza, per rendere ogni uomo perfetto in Cristo.” (dalla Lettera ai Colossesi)
In questo senso siamo sicuramente “servi” di colui che ancor prima si fece servo, al punto di assumere la natura umana, passando per tutte le tappe dello sviluppo della vita come è successo a noi e succederà a tutte le nuove creature che il Buon Dio non si stancherà di mandare su questa terra.
E’ ciò che sicuramente avevano intuito le sorelle Maria e Marta quando conobbero Gesù, quando lo accolsero nella loro casa, quando si entusiasmavano dell’amicizia concessa alla loro famiglia. Non è difficile immaginare ciò che avveniva al diffondersi della notizia che sarebbe arrivato il Signore, che doveva proseguire verso Gerusalemme, ma che aveva bisogno di riposarsi, Lui e tutti i suoi discepoli che lo seguivano. Mica una cosa semplice da organizzare. Marta, concreta, non si ferma un attimo, quasi come noi, ordina, spazza, prepara, serve. Ecco se non ci fosse questo servizio sicuramente sarebbe il caos, alcune cose si complicherebbero eppure:
“…Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c’è bisogno, Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta.” (dal Vangelo di Luca)
Infatti, Maria aveva pensato che fosse, in quel momento, importante ascoltare la Parola, stare in adorazione, lasciarsi fare dalla presenza dello “sposo”. Povera Marta, non aveva capito niente? Se l’hanno fatta santa, se non ha esitato a seguire Gesù una volta per tutte, vorrà dire che la lezione l’ha capita, così come l’ha compresa anche sua sorella: il servizio è necessario, ma questo nasce e si alimenta dall’appropriato ascolto. La Parola e la preghiera sono gli ingredienti indispensabili per ogni buon servizio che, con i limiti di ciascuno di noi, possiamo rendere a Dio per il bene di coloro che ci mette accanto.
Gen 18,1-10a / Sal 14/15) / Col 1,24-28 / Lc 10,38-42

digiemme

Nessun commento:

Posta un commento

il tuo commento e la tua opinione ci confermano nel nostro impegno